Monday 18 november 2013 1 18 /11 /Nov /2013 18:40

http://ts3.mm.bing.net/th?id=H.4560320194415114&pid=15.1Nei vari articoli che si trovano in rete si sente spesso citare il discorso del cambio lira/euro e di come questo abbia estremamente penalizzato l’Italia ed avvantaggiato, guarda caso, la Germania.

Per capire bene il forte aiuto che (a prescindere da tanti altri che verranno trattati in successivi approfondimenti) ha permesso alla Germania di acquisire un significativo vantaggio competitivo nei nostri confronti, bisogna fare un passo indietro, tornando allo SME (Sistema Monetario Europeo), che trovate più specificatamente descritto cliccando ad esempio su http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_monetario_europeo

Qui mi limito a farne una rapida sintesi solo per meglio comprendere lo scenario: nel marzo 1979 è entrato appunto in vigore tale sistema monetario al quale vi partecipavano le monete di Germania, Francia, Italia, Danimarca, Paesi Bassi e Lussemburgo.

Era un sistema a cambi fissi (quindi decisi dall’uomo) con una limitata flessibilità dei tassi di cambio; ciò significava che la fluttuazione delle monete c’era ma era limitata da bande di oscillazione. Le varie valute erano “agganciate” tra di loro tramite un rapporto di cambio con l’ecu (sostituito poi dall’euro).

La lira rimase nello SME fino al 1992, quando due formidabili attacchi speculativi da parte di George Soros ci costrinsero, assieme alla sterlina, ad uscire; la lira vi rientrerà comunque nuovamente il 25 novembre 1996.

Ricordo che il 1º gennaio 1999 entrò in vigore l’euro, il cui tasso di cambio irrevocabile con la lira fu fissato a 1936,27 lire per 1 euro. Da quel momento la lira rimase in vigore solo come “espressione non decimale dell’euro”, anche se monete e banconote continuavano ad essere denominate in lire. Per tutte le forme di pagamento “non-fisiche” (trasferimenti elettronici, titoli, etc.) invece, da quella data si adottò solo l’euro. Il 1999 fu anche l’ultimo anno in cui la zecca coniò ed emise le monete, per la comune circolazione, denominate in lire.

Il 1º gennaio 2002, con l’entrata in circolazione delle monete e banconote in euro, si aprì una fase di doppia circolazione che poi si chiuse con un progressivo ritiro dal mercato di tutte le lire.

Se analizziamo questo file pdf che può essere semplicemente scaricato cliccando su http://www.mediasalles.it/ybk04nat/Ecu.pdf troviamo in evidenza, in sole quattro pagine, diverse tabelle da cui si nota l’evoluzione dei tassi di cambio tra le varie valute (lira, marco, etc..) dapprima con l’ecu e poi con l’euro.

Andiamo per gradi: a pagina 1 troviamo che nel 12/1989 c’era un rapporto di 1.511,3 lire per 1 ecu.

Sempre nel medesimo mese/anno servivano 2,0125 marchi tedeschi per “acquistare” (uso le virgolette in quanto l’ecu era una moneta virtuale) 1 ecu.

Visto che 1 ecu = 2,0125 marchi = 1.511,3 lire si evince che 1 marco = circa 751 lire.

Guardando i vari anni successivi troviamo un progressivo, seppur contenuto, apprezzamento del marco tedesco nei confronti dell’ecu (tradotto significa che bastavano meno marchi per “acquistare” 1 ecu) e contemporaneamente un progressivo e significativo deprezzamento della lira sempre nei confronti dell’ecu (servivano un numero sempre maggiore di lire per “acquistare” un ecu).

Fino ad arrivare nel 1999, anno in cui è stata fissata in modo irrevocabile la parità con l’euro utilizzando un rapporto di cambio di 989,99 lire per un marco.

Con un semplice esempio numerico cercherò di far capire come questi cambi “pilotati”, a prescindere da investimenti in ricerca e sviluppo e produttività (che sono i cavalli di battaglia di chi sostiene che la Germania abbia acquisito il suo vantaggio competitivo tutto da sola), abbiano comportato una significativa penalizzazione dell’Italia nei confronti della Germania.

I protagonisti dell’esempio sono:

  • Mr Euro che vive nel magico paese chiamato “Eurolandia”;

  • l’ impresa italiana;

  • l’impresa tedesca.

Mr Euro a dicembre 1989 si trova a disposizione 100.000 ecu; decide pertanto di investire l’equivalente di 50.000 ecu creando un’impresa in Italia e 50.000 ecu creando un’analoga struttura in Germania. Le due imprese sono strutturate in maniera identica e producono lo stesso prodotto; inoltre hanno la medesima marginalità ovvero, rispetto ai costi, riescono ad applicare una maggiorazione del 20 % che costituisce il loro margine (per semplicità lo chiameremo “utile”; mi perdonino i “puristi” dell’economia aziendale).

Visto il cambio 1 ecu = 2,0125 marchi, il nostro Mr Euro inizia il proprio investimento a fine 1989 in Germania investendo 100.625 marchi (l’equivalente appunto di 50.000 ecu). Tale denaro viene investito producendo ricavi annui per 120.750 marchi (ovvero il 20 % in più dei 100.625 marchi investiti).

Mr Euro decide di tenere gli utili in Germania (pari a 20.125 marchi, differenza tra 120.750 marchi di ricavi e 100.625 marchi di costi) e di reinvestire nuovamente i 100.625 marchi. Per semplicità ipotizziamo un tasso d’inflazione pari a zero (ovviamente la medesima ipotesi verrà fatto anche per l’impresa italiana).

Alla fine del secondo anno si troverà pertanto con ulteriori utili per altri 20.125 marchi (che sommati ai precedenti fanno 40.250 marchi) e di nuovo si troverà i 100.625 euro, pronti per essere investiti per un ulteriore anno.

E così va avanti di anno in anno, sempre con gli stessi volumi annui e con la stessa marginalità sino ad arrivare al decimo anno; alla fine del decimo (è ormai dicembre 1999) il nostro Mr Euro si trova pertanto a disposizione i 100.625 marchi che aveva all’inizio più gli utili dei 10 anni ovvero 201.250 marchi (20.125 marchi * 10 anni) per un totale di 301.875 marchi; il nostro Mr Euro che, come detto poc’anzi, vive nel magico mondo di “Eurolandia”, decide di chiudere l’azienda tedesca e portare a casa quanto investito più ovviamente gli utili, ovvero i 301.875 marchi; in quel momento Mr Euro scopre che il cambio è 1 euro (ex ecu) = 1,95583 marchi e pertanto si porta a casa la bellezza di 154.346,24 euro (ex ecu).

Nel dicembre 1989 il nostro Mr Euro aveva però investito anche l’equivalente di 50.000 ecu in un’industria italiana che produceva il medesimo prodotto e con la medesima marginalità e struttura dei costi.

Visto il cambio 1 ecu = 1.511,3 lire, il nostro Mr Euro inizia il proprio investimento a fine 1989 in Italia investendo più di 75 milioni di vecchie lire, per la precisione 75.565.000 lire (l’equivalente di 50.000 ecu); tale denaro viene investito producendo ricavi per 90.678.000 lire (ovvero il 20 % in più dei 75.565.000 di lire investiti).

Mr Euro, come fatto con l’impresa tedesca, decide di tenere gli utili in Italia (pari a 15.113.000 di lire ovvero 90.678.000 – 75.565.000) e di reinvestire nuovamente i 75.565.000 di lire. Per semplicità ipotizziamo un tasso d’inflazione pari a zero (ovvero la stessa ipotesi fatta per l’azienda tedesca).

Alla fine del secondo anno si troverà pertanto con ulteriori utili per altri 15.113.000 di lire (che sommati ai precedenti fanno 30.226.000 di lire) e di nuovo si troverà i 75.565.000 di lire iniziali; e così va avanti di anno in anno, sempre con gli stessi volumi annui e con la stessa marginalità sino ad arrivare al decimo anno; alla fine del decimo (è ormai dicembre 1999) il nostro Mr Euro si troverà pertanto a disposizione i 75.565.000 di lire che aveva all’inizio più gli utili dei 10 anni ovvero 151.130.000 di lire (15.113.000 lire * 10 anni) per un totale di 226.695.000 di lire; il nostro Mr Euro che come detto poc’anzi vive nel magico mondo di “Eurolandia”, decide di chiudere l’azienda italiana e portare a casa quanto investito più ovviamente gli utili, ovvero i 226.695.000 di lire; in quel momento Mr Euro scopre che il cambio è 1 euro (ex ecu) = 1936,27 lire e pertanto si porta a casa la bellezza di 117.078,20 euro (ex ecu).

Mr Euro si accorge che, pur avendo investito in due aziende identiche, con lo stesso grado di tecnologia, frutto dei medesimi investimenti in ricerca e sviluppo, due imprese con la stessa marginalità, con lo stesso volume d’affari, con il medesimo livello d’inflazione (per semplicità ipotizzato a zero; qualcuno potrebbe evidenziare che i tassi d’inflazione in Germania e Italia erano e sono tutt’ora diversi e che ciò sfalsa l’esempio numerico; rispondo che è vero che sono stati e sono diversi ma ciò non sfalsa l’esempio, semmai, se considerati, “amplifica” il risultato finale), alla fine dei dieci anni si trova con una differenza tra l’industria tedesca e quella italiana di ben 37.268,04 euro (ex ecu) pari a 154.346,24 euro (ex ecu) meno 117.078,20 euro (ex ecu).

Mr Euro all’inizio non capisce il perché della differenza; pensa che gli italiani lo abbiano “fregato” ma poi razionalmente apprende che tutto ciò è avvenuto unicamente per via del cambio; mentre il marco si era leggermente apprezzato nei confronti dell’euro (ex ecu) passando da 2,0125 marchi per 1 ecu a 1,95583 marchi per un euro (ex ecu), la lira si era molto svalutata (infatti era passata da 1.511,3 lire per 1 ecu a 1.936,27 per 1 euro).

Spero che questo esempio, pur con le semplificazioni adottate, abbia messo in luce il grande potere del cambio e come “manovrare un cambio”, prima con lo sme e poi con l’euro, abbia dato una significativa “mazzata” all’Italia, avvantaggiando pertanto la Germania.

Tornando all’esempio e vedendola da un’altra angolazione, troviamo un’ impresa italiana con all’inizio i suoi 50.000 ecu che alla fine dei 10 anni sono diventati 117.078,20 euro (ex ecu); in termini matematici, questa azienda ha avuto un rendimento medio annuo (in regime di interesse composto) del suo investimento pari a circa l’ 8,88 %.

E quella tedesca invece? Con i suoi 50.000 ecu che alla fine dei 10 anni sono diventati 154.346,24 euro (ex ecu), significa un rendimento medio annuo di circa l’ 11,93 %.

11,93 % – 8,88 % = 3,05 % di differenza sulla redditività annua a favore (che strano) dell’impresa tedesca.

Nell’esempio da me fatto, seppur con tutte le semplificazioni del caso, possiamo veramente affermare che l’azienda tedesca è riuscita a “vincere la “sfida” sulla concorrente italiana perché è stata più brava? Perché ha investito in ricerca e sviluppo? Perché è stata più produttiva?

Al lettore lascio questa “difficile” risposta.

Purtroppo al popolo italiano bisogna raccontare la “storiella” che gli italiani non hanno investito / non stanno investendo sufficientemente in “ricerca e sviluppo” e che non sono abbastanza produttivi…

Occhi aperti quindi!

Michele Belluco

Fonte: http://www.stampalibera.com/?p=68550

Di borsaforextradingfinanza - Pubblicato in : FOCUS ECONOMIA E FINANZA
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Torna alla home

ANYOPTION

ANYOPTION4.jpg

ANYOPTION5.jpg

ANYOPTION3.gif

TUTTO AMAZON

LA BIBLIOTECA DEL TRADER

I testi indispensabili per il tuo trading

http://newsimg.bbc.co.uk/media/images/45268000/jpg/_45268951_traders_afp466.jpg

OPZIONI VINCENTI

OPTION24.jpg

CONTRATTA TITOLI & INDICI

LINGUE SENZA SFORZO

http://www.assimil.it/img/baseClip.png

EDIZIONI MACROLIBRARSI

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

I NOSTRI LIBRI

I NOSTRI CORSI ONLINE

http://www.italiaforextrading.com/wp-content/uploads/2010/10/trading-300x200.jpg

VIDEO CORSO FOREX & TRADING

WILLIAM HILL

William Hill Sport

 

DEBITO PUBBLICO ITALIANO

CERCA NEL BLOG

CALENDARIO

November 2013
M T W T F S S
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
<< < > >>

SEGNALA QUESTO BLOG

SYNDICATION

  • Feed RSS degli articoli
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati