Sunday 20 october 2013 7 20 /10 /Ott /2013 12:41

http://www.rinascita.eu/mktumb640a.php?image=1381843537.jpgA metà dicembre l’Irlanda si sarà presumibilmente liberata dalle catene del rigore imposto dalla “troika” Fmi-Bce-Ue.

La notizia - non di poco conto visto che riguarda uno degli Stati nazionali sia dell’Unione europea che della zona euro già dipinto come uno dei “pigs” da curare con le terapie lacrime e sangue dei monetaristi che dominano l’Occidente – benché ufficiale è stata debitamente oscurata da tutti i mezzi di (dis)informazione italiani.

Riassumiamo noi. Il primo ministro irlandese Enda Kenny ha dichiarato l’altro giorno che il suo popolo uscirà, a metà dicembre, dallo stato di sottomissione al “piano di aiuto” sottoscritto nel 2010 con i tre istituti della terapia del rigore in cambio di un finanziamento (a usura) di 85 miliardi di euro.

L’annuncio è stato reso davanti ai quadri del suo partito governativo di centrodestra il Fine Gael. Qui Enda Kerry ha anche esplicitamente sottolineato che – seppure “resti ancora della strada da fare” – che così potranno essere “ristabilite l’indipendenza e la sovranità” della sua Nazione.

Ma quali sono stati i costi della terapia monetarista, riuscita matematicamente a ridurre dal 14 (2011) al 5% (2013) il rapporto tra pil e deficit pubblico?

Un generale stato di stagnazione dell’economia, maggiore disoccupazione, tagli ai servizi sociali.

L’Irlanda di questo “nuovo corso”, presentata a Bruxelles, Francoforte e New York, come il fiore all’occhiello sulla “riuscita” della medicina di progressivo strangolamento economico, non è certo per il popolo irlandese un granché di bello.

Certo – come dichiarato da Gerry Adams, del Sinn Fein (all’opposizione) – le banche collassate sono state generosamente salvate dalla Bce… ma la fuga delle grandi compagnie multinazionali una volta creatrici di lavoro e ricchezza ha prodotto l’altra faccia della moneta, con un progressivo incremento della tassazione delle famiglie (un altro 3,5-4% è in rapido arrivo), la perdita del potere d’acquisto delle famiglie, la crisi dei mutui con paralleli sfratti, con una disoccupazione per 415 mila lavoratori e 300 mila cittadini forzati all’emigrazione in questi anni di strangolamento economico. Pochi?

Gli abitanti dell’Irlanda, compresi gli immigrati con permesso di soggiorno, gli anziani e i bebè, sono poco più di 4.500.000. E 715 mila hanno perso il lavoro o sono dovuti andare a cercarlo oltre frontiera… - See more at: http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=22520#sthash.M8tTRhzU.dpuf

di: l.m.

info@rinascita.net

Di borsaforextradingfinanza - Pubblicato in : MERCATI INTERNAZIONALI
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Torna alla home

ANYOPTION

ANYOPTION4.jpg

ANYOPTION5.jpg

ANYOPTION3.gif

TUTTO AMAZON

LA BIBLIOTECA DEL TRADER

I testi indispensabili per il tuo trading

http://newsimg.bbc.co.uk/media/images/45268000/jpg/_45268951_traders_afp466.jpg

OPZIONI VINCENTI

OPTION24.jpg

CONTRATTA TITOLI & INDICI

LINGUE SENZA SFORZO

http://www.assimil.it/img/baseClip.png

EDIZIONI MACROLIBRARSI

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

I NOSTRI LIBRI

I NOSTRI CORSI ONLINE

http://www.italiaforextrading.com/wp-content/uploads/2010/10/trading-300x200.jpg

VIDEO CORSO FOREX & TRADING

WILLIAM HILL

William Hill Sport

 

DEBITO PUBBLICO ITALIANO

CERCA NEL BLOG

CALENDARIO

October 2013
M T W T F S S
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
<< < > >>

SEGNALA QUESTO BLOG

SYNDICATION

  • Feed RSS degli articoli
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati